Peppe Lanzetta

Nato a Napoli nel 1956, Peppe Lanzetta è scrittore, attore e drammaturgo. Ha esordito nella seconda metà degli anni Settanta nel cabaret all’Osteria del Gallo. Fin dagli anni Ottanta, sia in teatro che nei libri ha raccontato il meglio e il peggio di una Napoli sdrucita – talvolta corrotta nell’anima – ma pur sempre luccicante per i bagliori di umanità che convivono nel suo caotico divenire. Con gli spettacoli “Bombatomica” e “Roipnol” del 1984 si impone sulla scena teatrale fino a quando, nel 1988, arriva a raccontare spaccature e cuciture di due mondi somiglianti tra loro proprio secondo il canone lanzettiano: è il momento di “Lenny”, performance che confronta Secondigliano a New York in un indimenticabile omaggio a Lenny Bruce in chiave poetica. Ha ideato testi per diversi musicisti italiani come Edoardo Bennato, Tullio De Piscopo, James Senese, Enzo Avitabile, Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Franco Ricciardi, Massimo Severino e Franco Battiato.

Dopo gli esordi televisivi, che lo hanno visto per anni sullo schermo delle reti nazionali (prima “Samarcanda” di Michele Santoro dal 1988 al 1989 e poi il “Maurizio Costanzo Show” dal 1989 al 1990), ha collaborato con registi come Tornatore, Cavani, De Crescenzo, Loy, Martone, Asia Argento, Scimeca. Nel 2015 prende parte al cast del film della serie di 007, “Spectre”, per la regia di Sam Mendes, al fianco di Monica Bellucci, Daniel Craig e Christoph Waltz.

Nel 2017, con il disco “Non canto, non vedo, non sento”, collabora con la band Letti Sfatti e con Franco Battiato, arrivando in finale nella sezione “opera in lingua dialettale” del Premio Tenco.

Tra le sue pubblicazioni:

  • Incendiami la vita, Baldini Castoldi Dalai, 1996
  • Un Messico napoletano, Feltrinelli, 1998
  • Figli di un Bronx minore, Feltrinelli, 1998
  • Tropico di Napoli, Feltrinelli, 2000
  • Ridateci i sogni. Ballate, Feltrinelli, 2002
  • Un amore a termine, Baldini Castoldi Dalai, 2003
  • Elogio della suocera, Pironti, 2004
  • Giugno Picasso, Feltrinelli, 2006
  • L’opera di periferia, Plectica, 2008
  • Racconti disperati, Pironti, 2010
  • InferNapoli, Garzanti, 2011
  • Pane e peperoni, Ad Est dell’Equatore, 2012
  • Zia Titina e l’Isis, Tullio Pironti Editore, 2016

Nel 2004 ha vinto il premio “Olimpici del teatro”. Nel 2006 è stato vincitore del Premio Domenico Rea con il romanzo Giugno Picasso (Feltrinelli).

Leggi la biografia completa di Peppe Lanzetta, con l’elenco delle opere e la filmografia, su Wikipedia…